Archivi tag: Anna Baisi

Le relazioni pericolose virtuali

In Italia conosciamo di piu’ il fratello Mehdi (attore in “Baby”, “Gli sposi clandestini”) e questo e’ il primo film che esce da noi del regista francese Safy Nebbou.   “Il mio profilo migliore“, passato al festival di Berlino, e’ … Continua a leggere

Pubblicato in Di tutto un po' | Contrassegnato , | Lascia un commento

Una storia di parenti che fingono di essere estranei

Il primo film europeo di Kore’eda Hirokazu poteva essere un rischio e invece a Venezia e’ stato molto apprezzato pur senza vincere i premi piu’ importanti.   Merito della storia, delle capacità di regia del maestro giapponese che amiamo in … Continua a leggere

Pubblicato in Di tutto un po' | Contrassegnato , | Lascia un commento

La vita e’ solo un lancio di dadi

Un paio di anni fa “Guarda in alto” era stato il folgorante esordio del giovane regista romano Fulvio Risuleo.   Adesso arriva “Il colpo del cane” la seconda opera con Edoardo Pesce, Silvia D’Amico e Anna Bonaiuto.   Al loro … Continua a leggere

Pubblicato in Di tutto un po' | Contrassegnato , | Lascia un commento

Un sapore amaro e disilluso

Se vi ricordate qualche anno fa (era il lontano 2012) una delle uscite di Amicinema era stata dedicata ad una commedia francese ambientata vicino a Cap Ferret nella quale recitavano quasi tutti gli attori francesi più famosi del momento (François … Continua a leggere

Pubblicato in Di tutto un po' | Contrassegnato , | Lascia un commento

La famiglia non e’ sangue. E’ amore

Karim Aïnouz e’ un regista tedesco-brasiliano che potremmo definire, riduttivamente, da festival.   Molti dei suoi film sono passati al Festival di Berlino (nel 2014 il suo apprezzato “Praia do futuro”) e lo scorso anno “La vita invisibile di Eurídice … Continua a leggere

Pubblicato in Di tutto un po' | Contrassegnato , | Lascia un commento

Gli strambi zombi di Jim Jarmusch

E’ il primo film che arriva in sala dopo la chiusura dell’ultimo Festival del Cinema di Cannes e ne e’ stato anche la pellicola di apertura ufficiale (senza purtroppo per lui nessun premio).   Il grande Jim Jarmusch, tre anni … Continua a leggere

Pubblicato in Di tutto un po' | Contrassegnato , | Lascia un commento

Peter Greenaway dalla “A” alla “Z”

“A come Amsterdam. A come autistico”.   Due parole che non indicano solamente la città in cui Peter Greenaway vive e lavora, oppure un modo di essere, ma piuttosto rappresentano l’incipit di questo “alfabeto” filmico, poetico, surreale e un po’ … Continua a leggere

Pubblicato in Di tutto un po' | Contrassegnato , | Lascia un commento