Da oggi c’e’ un altro modo per rimanere aggiornati con tutte le attività di Amicinema (uscite, concorsi, programmi del mese, articoli): la nostra Newsletter !!
 
Oltre al sito e alla pagina facebook potete seguirci se volete anche tramite la nostra nuovissima Newsletter !!
 
Per iscrivervi ecco il link https://tinyletter.com/Amicinema
 
Buon cinema a tutti !!
 


Ogni respiro della guerra

Miglior film, regia, sceneggiatura, fotografia, colonna sonora e poi molte altre: per “1917” sono arrivate ben 9 candidature agli Oscar, segno per l’ultima fatica di Sam Mendes (in riposo dopo due “007″ consecutivi) ha davvero lasciato il segno e conquistato critica e pubblico.
 
Un film dalla complessa struttura tecnica, girato in diversi piani sequenza, e poi montato per apparire come un unico piano sequenza ininterrotto dall’inizio alla fine e per il quale Mendes ha provato per ben sei mesi assieme al cast e alla troupe prima delle riprese.

 

6 aprile, 1917. Blake e Schofield, giovani caporali britannici, ricevono un ordine di missione suicida: dovranno attraversare le linee nemiche e consegnare un messaggio cruciale che potrebbe salvare la vita di 1600 uomini sul punto di attaccare l’esercito tedesco.
Per Blake l’ordine da trasmettere assume un carattere personale perché suo fratello fa parte di quei 1600 soldati che devono lanciare l’offensiva.
Il loro sentiero della gloria si avventura su un terreno accidentato, no man’s land, trincee vuote, fattorie disabitate, città sventrate, per impedire una battaglia e percorrere più in fretta il tempo che li separa dal 1918.

 

Nel cast Colin Firth, Benedict Cumberbatch, Richard Madden, Andrew Scott e Dean-Charles Chapman.

Continua a leggere


Il maestro e il gigante

Werner Herzog e Michail Gorbaciov.
 
Un maestro del cinema e un gigante della politica, ultimo presidente dell’Unione Sovietica: il risultato e` un incontro esplosivo, uno sguardo inedito, lucido e significativo sulla storia del ‘900 e non solo.

 
Complicita` e umorismo, uniti all’abilita` di Herzog di scavare in angoli inaspettati della vita di Gorbaciov, rendono questi incontri coinvolgenti e al tempo stesso emozionanti.
Dall’infanzia contadina agli studi presso l’Universita` di Mosca, fino alla rapida ascesa nelle fila del Partito Comunista Sovietico, “Herzog incontra Gorbaciov” e’ un viaggio tra ricordi, materiali d’archivio e testimonianze d’eccezione che consentono, cosi`, di ripercorrere le tappe salienti della politica degli ultimi decenni.

Continua a leggere


In sala con Amicinema (uscite del 17/01/2020)

Continuiamo a raccontarvi questo 2020 cinematografico che ci riporta in sala i nuovi film della stagione !!
 
Noi Amicinema siamo pronti a presentarvi i film in uscita questa settimana !!
 
Cliccando sui link per ogni film troverete la nostra recensione e il trailer !!

Continua a leggere


Hammamet

Mercoledi’ 15 gennaio, “Hammamet” è stato protagonista della classica uscita infrasettimanale degli Amicinema.

 

Come da buona abitudine apriamo lo spazio dedicato a tutti i commenti, critiche e spunti di discussione che vorrete lasciare sul film.

 
Dati Tecnici
Regia: Gianni Amelio
Cast: Pierfrancesco Favino, Livia Rossi, Luca Filippi, Silvia Cohen, Omero Antonutti.
Durata: 126 min
Continua a leggere


La sfida di Davide contro il Golia americano

Se esistono storie e personaggi “alla Clint Eastwood” quelle di “Richard Jewell“, il suo ultimo film, possono sicuramente considerarsi parte integrante di questo gruppo.
 
Il regista californiamo affronta nuovamente una storia di ascesa e di caduta e ci racconta il lato piu’ oscuro del sogno americano in un film che abbiamo scelto per l’uscita di mercoledi’ 22 gennaio di Amicinema.

 

Atlanta, Georgia. Richard Jewell è un trentenne sovrappeso che vive ancora con la mamma e si considera un tutore della legge, ma in realtà svolge per lo più lavoretti di sorveglianza. Richard considera sua missione proteggere gli altri ad ogni costo: dunque, durante gli eventi che precedono le Olimpiadi del 1996, è il primo a dare l’allarme quando vede uno zaino sospetto abbandonato sotto una panchina.
Questo fa sì che l’attentato dinamitardo del 27 luglio al Centennial Olympic Park abbia esiti po’ meno tragici di quelli previsti dall’attentatore, e Richard diventa l’eroe che aveva sempre sognato di essere: ma la sua celebrità istantanea non tarderà a rivoltarglisi contro e a farlo precipitare dal sogno all’incubo.

 
Nel cast il bravissimo Sam Rockwell, Paul Walter Hauser, Dexter Tillis, Olivia Wilde, Jon Hamm e Kathy Bates (candidata all’Oscar come miglior attrice non protagonista).
Continua a leggere


Un filo sottile tra ironia ed eccesso

Il neozelandese Taika Waititi appartiene a quell’onda di giovani registi che non si vergognano di spostarsi dal cinema indipendente a quello mainstream (e viceversa) seguendo sempre il proprio filo creativo.
 
E cosi’ assieme a film indipendenti come “Eagle vs Shark”, “Boy” e “Selvaggi in fuga” (passati al Sundance e in altri festival minori) Waititi ha diretto anche un blockbuster come “Thor: Ragnarok“, molto apprezzato comunque dai fan.
 
E anche in questo “Jojo Rabbit” il regista si e’ sentito libero di affrontare un tema molto delicato come il nazismo con il solito modo… il risultato puo’ ovviamente piacere o meno, ma e’ da apprezzare la libertà di affrontare qualsiasi tema.

 

Protagonista è un bambino tedesco di nome Jojo Betzler e soprannominato “Rabbit”, appartenente alla Gioventù hitleriana durante i violenti anni della Seconda guerra mondiale.
La sua visione nazista del mondo cambia completamente quando scopre che sua madre nasconde in soffitta una ragazza ebrea.
Da questo momento in poi Jojo dovrà fare i conti con i dubbi sorti riguardo il nazionalismo e in questo dissidio interiore verrà aiutato soltanto dal suo amico immaginario, una versione idiota e caricaturale di Adolf Hitler.

 

Nel cast Scarlett Johansson, lo stesso Taika Waititi come Adolf Hitler, Roman Griffin Davis, Sam Rockwell, Rebel Wilson e Thomasin McKenzie.

Continua a leggere


Drive-In USA, stagione 3, puntata 6: Il remake di “Forza Maggiore” e Aretha Franklin

Ritorna la nostra rubrica che vi parla quindicinalmente (o quasi !!) dei film usciti negli Stati Uniti e che prima o poi speriamo arrivino anche sugli schermi italiani.

Continua a leggere